Metti in pista il tuo hobby: il modellismo elettrico on-road

Il modellismo dinamico offre all’amante delle vetture in scala ridotta la possibilità di poter gareggiare con la propria automobilina in vere e proprie gare di corsa.

Innanzitutto i modelli dinamici si distinguono in due macrocategorie: quelli elettrici, che si muovono attraverso l’utilizzo di motori elettrici e batterie; e quelli a scoppio, i cui motori sono alimentati da sostanze combustibili quali benzina e olio o da una miscela composta da nitro-metano, metanolo e olio lubrificante.Benché sia facile pensare che il modellismo elettrico sia inferiore a quello a scoppio per accelerazione e velocità, in realtà esistono modelli elettrici equipaggiati di motori brushless e batterie ultra-potenti con prestazioni equivalenti o superiori ai modelli a miscela, in quanto più leggeri e dotati di ottimi propulsori.

Il modellismo automobilistico dinamico con cui consiglio di gareggiare è l’elettrico on-road (automobili da strada), per competizioni sportive.

Gli RC e le Slot car, radiocomandati o telecomandati

Gli auto modelli elettrici si distinguono in radiocomandati (RC), oppure telecomandati tramite rotaia elettrificata (Slot car). Le scale dei modellini RC variano solitamente dalla 1/18 fino alla 1/5 (la più grande). Tuttavia ora possono gareggiare anche i modelli radiocomandati più piccoli, recentemente immessi sul mercato (ad esempio in scala 1/28 e 1/24).

Le principali categorie dei modelli RC sono:

-fuoristrada 1/10 buggy,

-touring 1/10,

-drift 1/10,

-prototipo 1/12 e

-touring 1/18.

Solo gli auto modelli radiocomandati touring e slot sono vere e proprie riproduzioni in scala di auto esistenti; i buggy e i prototipi (con poche eccezioni) sono invece realizzati seguendo principi esclusivamente funzionali o aerodinamici (alle volte entrambi i criteri) ed è raro che somiglino a vere e proprie auto reali.

È chiaro che la progettazione, l’assemblaggio e la scelta dei modelli dinamici seguono dei principi che si accostano molto di più al mondo delle auto da corsa e hanno niente o poco a che vedere con gli scopi ornamentali del modellismo statico.Il particolare per cui si può accomunare e avvicinare questo genere di modellismo a quello statico è l’abbellimento e la personalizzazione della carrozzeria, come si usa per ogni auto da corsa che si rispetti, sempre però seguendo i vincoli dettati da alcune gare. Le regole stabilite da certe competizioni impongono, infatti, che i modelli debbano attenersi a dei criteri estetici legati al mondo reale delle corse automobilistiche.

L’agonismo dei professionisti degli automodelli

Miniautodromi italiani

I campionati ufficiali di automodellismo e le gare locali si svolgono in una serie di mini-autodromi italiani on-road e off-road per auto modelli. Gli appassionati seriamente interessati al mondo del modellismo dinamico dovrebbero frequentare queste piste per poter vedere in azione gli esperti e imparare il modo più agonistico di approcciarsi al modellismo dinamico.

Per chi si sta appassionando di on-road oppure off-road, o per chi vuole scoprire questi tipi di competizioni, consiglio personalmente di tenere d’occhio la pista Barcooff di Reggio Emilia e il circuito Fiorano modenese a Modena, accessibile da questo link: http://www.minicarfiorano.it/.

Consiglio inoltre di seguire le competizioni per rendersi conto di quali siano gli auto modelli attualmente vincenti. Ecco un link allo scopo: http://www.hobbymedia.it/modellismo/gare

E, come si dice, che vinca il migliore!